La carta di circolazione

Deve sempre accompagnare l’automobilista quando viaggia in auto

13 Marzo 2011

La carta di circolazione (detta anche libretto di circolazione) è un documento obbligatorio che l’automobilista deve portare con sé per poter viaggiare regolarmente con la propria auto (Guarda l'infografica sulla carta di circolazione).

Il documento è rilasciato dall'Ufficio provinciale del DTT (Dipartimento dei Trasporti Terrestri) a chi si dichiara proprietario del veicolo.

La carta di circolazione riporta le caratteristiche tecniche dell’auto, tra cui ad esempio il numero di immatricolazione, il numero del telaio, la massa massima a carico tecnicamente ammissibile, la potenza netta massima (in kW), il tipo di combustibile o di alimentazione dell’auto.

Il libretto deve essere aggiornato ogni volta che si verifichino specifici cambiamenti: ad esempio, va segnalato il cambio di residenza del proprietario del veicolo oppure eventuali modifiche alle caratteristiche dell’auto come se, ad esempio, sono stati montati dei cerchi di misura diversa da quelli indicati sulla carta di circolazione, il proprietario del veicolo è obbligato a chiedere una nuova omologazione con conseguente aggiornamento del libretto.

Circolare con una carta che non riporti fedelmente le caratteristiche tecniche dell’auto comporta il ritiro della stessa da parte delle autorità competenti e una multa di 398 euro.

Inoltre, data l’obbligatorietà di portare sempre in auto questo documento, nel caso in cui l’automobilista ne fosse sprovvisto durante i controlli da parte delle Forze dell’Ordine, deve sostenere una multa di 39 euro e presentarsi poi agli uffici competenti per esibirlo; in caso contrario sarà soggetto ad una multa di 398 euro.

In caso di smarrimento della carta, furto o distruzione il titolare deve chiedere un duplicato del documento. In questo caso la prima cosa da fare è, entro 48 ore, la denuncia agli organi di polizia, i quali consegneranno un permesso provvisorio sostitutivo e successivamente il libretto, facendolo spedire direttamente a casa del richiedente. Alla consegna il proprietario dovrà pagare al postino 5,16 euro oltre alle spese postali.

Nel caso in cui la carta di circolazione non dovesse arrivare seguendo la procedura sopra citata, il proprietario dell’auto dovrà presentare la domanda di duplicato presso l'Ufficio della Motorizzazione allegando:

  • permesso provvisorio di circolazione rilasciato dagli Organi di Polizia;
  • fotocopia di un documento di identità oppure dichiarazione sostitutiva del proprietario;
  • ricevuta del versamento di Euro 5,16 sul c/c postale 9001 intestato “Direzione Generale Motorizzazione Civile e T. C. - Diritti - Roma