Portapacchi dell'auto: come organizzarlo?

A seconda del modello di auto è bene scegliere un portapacchi che assicuri stabilità

13 Dicembre 2012

La scelta del portapacchi per l’auto è importante perché influisce sulla stabilità, sulla velocità e anche sul consumo di carburante dell’auto. I portapacchi in commercio sono ormai tutti regolabili e si adattano, quindi, ai diversi modelli di automobile. A seconda del modello di auto, però, è bene scegliere un tipo di portapacchi che possa essere montato al centro del tettuccio senza che sporga da nessun lato.

Caricare bene il portapacchi è rilevante perché il modo di sistemare pacchi e valigie sopra di esso determina il grado di resistenza che lo stesso opporrà all'aria durante la marcia. Per sistemare il portapacchi nella maniera corretta è bene disporre le valigie distese, sistemando quelle più grandi sotto, collocare gli oggetti più bassi anteriormente e le valigie piccole sopra alle grandi. Così facendo il carico risulterà più alto posteriormente rispetto alla parte frontale.

Se si dovesse guidare in caso di pioggia sarà sufficiente coprire il portapacchi usando un telo di plastica: si potrà sistemare il telo direttamente sul portapacchi, lasciando ricadere i lembi su tutti e quattro i lati; dopo aver caricato i bagagli, si potranno ripiegare sopra il carico i lati del telo, la parte che sporge posteriormente e poi quella frontale. E’ importante cercare di ottenere un imballaggio compatto e senza pieghe, per evitare che il vento possa far gonfiare il telo. Dopodiché si può fissare la copertura al portapacchi utilizzando le corde elastiche.

Nel caricare i bagagli, è necessario fare attenzione a non superare il peso raccomandato dalla casa costruttrice e gonfiare gli pneumatici alla pressione indicata nel manuale dell'auto per il carico massimo.

In caso di carichi ingombranti è bene ricordare che, per legge, il carico non può sporgere longitudinalmente dalla parte anteriore del veicolo; può sporgere longitudinalmente dalla parte posteriore, se costituito da oggetti indivisibili, fino ai 3/10 della lunghezza del veicolo stesso, purché l'ingombro totale rimanga nei 2,5 metri di lunghezza, 4 metri di altezza e 7,5 metri per i veicoli a un asse.

Quando il portapacchi non serve più è meglio smontarlo poiché la sua presenza sull'auto può far aumentare il consumo di carburante anche del 10%!