Riparare l’auto? I prezzi migliori sono da Roma in giù

Le autofficine sono più care al Nord che al Sud ma la più costosa è la Toscana

5 Marzo 2014

Quando si guasta l’auto, oltre agli ovvi inconvenienti pratici a cui si va incontro, si aggiunge la preoccupazione per i costi di riparazione. In genere i primi problemi insorgono per i veicoli sui sette anni di età, che riguardano il 10% circa di richieste di preventivo. In seguito alla cosiddetta “crisi del settimo anno” infatti, l’auto inizia a richiedere cure di manutenzione costante. Gli interventi più richiesti sono quelli meccanici (41%), poi di carrozzeria (29%), le domande di tagliando (12%) e in coda le installazioni di impianti Gpl (8%). Vuoi sapere come evitare spese per riparare l'auto? Guarda l'infografica sulle cattive abitudini che danneggiano l'auto.

Quanto costa riparare una macchina? Nel Norditalia si spende nettamente di più, come emerge dal primo Rapporto riparazioni 2013 del portale RiparAutOnline, basato sulle 10.000 richieste di preventivo ricevute nel 2013. I prezzi scendono, e anche di molto, da Roma in giù. Un esempio concreto? Per convertire la propria vettura a Gpl in provincia di Milano, si possono spendere fino a 1.500 euro, ma a Roma e a Napoli il prezzo si dimezza. 

La capitale è conveniente anche per gli automobilisti che hanno bisogno di acquistare il tagliando, il cui prezzo medio è di 49 euro, mentre Genova, unica eccezione nel costoso panorama “nordico”, è la meta ideale per chi deve ricaricare il climatizzatore, per la modica cifra di 30 euro. L’autofficina più economica si trova a Cascina, in provincia di Pisa, con un costo medio orario di soli 20 euro, ma si tratta di una mosca bianca perché la Toscana risulta essere la regione più cara in assoluto, battendo anche i temuti prezzi del Nord.