Italiani e navigatore in auto

9 Agosto 2012

“Ricalcola percorso”. Quante volte avete sentito questa frase pronunciata dalla vocina elettronica del vostro navigatore? E quante di queste volte la cosa vi ha infastidito? Già, perché sebbene le statistiche parlino di un buon 70% di italiani che possiedono un navigatore, è anche noto il delicato rapporto di amore-odio tra il navigatore e il conducente dell’auto.

Curiosi sono i dati che emergono da alcuni sondaggi che hanno analizzato proprio questa “relazione”. Sapete cosa rispondono gli italiani quando li viene chiesto a chi dei familiari paragonerebbero il caro navigatore ? Alla fidanzata. Si, proprio così: una fidanzata a volte informatissima, a volte fuorviante, con la quale prima o poi di finisce col litigare.

Così si svelano gli altarini e gli italiani si confessano: c’è chi dice di utilizzare il navigatore solo in caso di necessità, chi si definisce alquanto diffidente e talvolta lo “tradisce” con altre fonti di informazioni. Poi ci sono gli asociali, assolutamente convinti a “rimanere single” piuttosto che caricarsi in auto la vocina elettronica.
Poi arrivano gli inguaribili “avventurieri”, quelli che dichiarano di non volere indicazioni dalla voce nel cruscotto ma che preferiscono piuttosto buttarsi a guidare in cerca di avventura, basandosi sul solo senso dell'orientamento. Se poi si dovessero proprio perdere, bè allora, il navigatore potrebbero anche attivarlo.

Solo alla fine troviamo veri romantici, che a conti fatti restano davvero in pochi: solo il 10% di italiani ha confessato di non poter fare a meno di “lei” e che mai partirebbe senza prima aver impostato il percorso sul proprio navigatore. Questi Italiani, popolo di santi, poeti, ma poco navigatori!

Guidate invece tranquilli, cercando la polizza RC Auto che più si addice alle vostre esigenze. Cercatela online, attraverso la comparazione di più assicurazioni: in questo modo potrete trovare quella che fa al caso vostro!