In Italia le bici superano le auto

Per la prima volta l'acquisto di bici ha superato quello di auto

7 Luglio 2013

Inversione di tendenza per il Bel Paese: gli italiani preferiscono le biciclette. Per la prima volta nella storia dell’Italia il numero di biciclette vendute ha superato quello delle automobili. Complici i costi esorbitanti del carburante, le nuove tendenze di car sharing e i progetti di cicloturismo che si stanno diffondendo. Secondo i risultati di una ricerca condotta a livello europeo dalla società di consulenza d’azienda globale AlixPartners, solo il 16% dei ragazzi tra i 18 e i 29 anni è veramente interessato all’acquisto di un’auto. Molti preferiscono soluzioni alternative, più economiche e anche più ecologiche.

Dal 2000 al 2012 c’è stata in tutta Europa una pesante contrazione del mercato dell’auto che ne ha ridotto di molto la produzione. In particolare a subire un forte calo sono state Francia (-37%), Spagna (-34%), Gran Bretagna (-13%), Italia (-62%) e Belgio (-50%). Il 2012 è stato l’anno cruciale in cui si è verificata una diminuzione delle auto in circolazione e il saldo tra nuove immatricolazioni e radiazioni è stato negativo (-38.000 veicoli). Tuttavia il numero di auto per abitante resta tra i più alti in Europa, con 608 ogni mille abitanti contro una media europea di 497.

Tra le principali cause di questa nuova tendenza si possono citare il fattore economico in primis, i costi sempre più gravosi per la gestione dell’auto che sono cresciuti mediamente in tutta Europa del 4,5% (da 3.278 a 3.425 euro), così come quelli del carburante (+16%), l’aumento della pressione fiscale. In aggiunta a questi fattori negativi si possono contare anche motivazioni “positive”: molti scelgono di utilizzare la bicicletta al posto dell’automobile per questioni ecologiche e, quindi, per limitare l’inquinamento ambientale. Le persone attente all’ambiente scelgono forme diverse di mobilità come il car pooling o il car sharing, molto in voga adesso.

Sempre nel 2012 le vendite delle bici hanno superato quelle delle auto (1,6 milioni contro 1,4), anche se gli italiani non sono ancora famosi per essere grandi amanti delle biciclette. La concentrazione di biciclette per abitante rimane ancora tra le più basse in Europa: 440 ogni mille abitanti, contro 1.010 dei Paesi Bassi e 900 della Germania, anche se meglio di Francia (370) e Gran Bretagna (290). Solamente il 5% degli italiani considera la bici il principale mezzo di trasporto. Le novità, però, ci sono e si vedono: molti italiani si stanno disintossicando dall’auto, riducendone l’utilizzo dalle 5,1 volte in media a settimana del 2010 alle 4,4 del 2012, privilegiando modalità di trasporto più economiche e “green”.