Goodyear & NASA: le gomme lunari

In futuro le gomme delle auto potrebbero arrivare dalla Luna

19 Dicembre 2010

In un futuro non troppo lontano le gomme delle auto potrebbero arrivare, pensate un po’, dalla Luna. Non si tratta di un film di fantascienza, quella che raccontiamo è la storia di un’invenzione che potrebbe cambiare radicalmente il mondo delle auto.

Protagoniste della storia sono le gomme da auto senza aria, invenzione a cui si sarebbe arrivati grazie alla collaborazione tra il colosso di pneumatici Goodyear e l'Agenzia Spaziale statunitense NASA. In realtà il principio alla base del progetto non è una novità, perché evolve il concetto delle gomme già utilizzate per le missioni lunari Apollo, anche se ovviamente le gomme “terrestri” dovranno essere adattate alle esigenze delle auto.

Il congegno di base sarebbe questo: piuttosto che aria all'interno delle gomme ci sarà un materiale che forma una speciale tessitura di circa 800 molle, meccanismo che ne migliorerà notevolmente la tenuta su strada: se si pensa infatti che le “progenitrici” delle future gomme sono state create per “assorbire” gli impatti con il suolo lunare, si capisce come potrebbero agevolare la guida sui manti stradali.

Per il momento il progetto è ancora in fase embrionale, ma Goodyear lascia trapelare che le possibilità di realizzare i primi test non è così remota, dato che i vantaggi che le gomme lunari potrebbero portare alle auto sono notevoli: basti pensare che le Spring Tyres, così battezzate, sono state progettate per sopportare pesi dieci volte più elevati delle gomme normali e per percorre distanze cento volte più lunghe.

Ridurranno anche gli spazi di frenata e aumenteranno la nostra sicurezza? Ci saranno così vantaggi anche per la nostra polizza auto? La risposta per il momento è ancora “sulla Luna”.