Costi e pagamento dei pedaggi autostradali

Come vengono calcolati e quali le forme di pagamento più diffuse e accettate

22 Maggio 2011

Quasi tutta la rete autostradale italiana è soggetta al pedaggio, una tassa da pagare per poter circolare su questa tipologia di strada.

L’importo da pagare si ottiene moltiplicando il costo unitario per chilometro al numero di chilometri percorsi. Questo numero include non solo i chilometri effettivi tra un casello e l’altro, ma anche svincoli, le bretelle e i tratti di collegamento tra le autostrade e le strade libere.

La tariffa unitaria tiene conto anche dei costi di manutenzione e delle caratteristiche del tracciato (quelli di montagna o con molti viadotti e gallerie ad esempio, costano di più). A questa cifra, maggiorata dell’Iva vengono poi applicati arrotondamenti, per eccesso o difetto, ai 10 centesimi di euro.

Esistono anche i cosiddetti sistemi aperti, nei quali si paga una cifra fissa, indipendentemente dal numero di km percorsi. Sui siti di Autostrade per l’Italia e delle altre società di gestione è possibile calcolare i pedaggi relativi alle tratte autostradali di competenza.

I veicoli sono divisi in 5 classi di pedaggio in base alle dimensioni e al numero di assi. Le automobili rientrano quasi tutte in classe A (la più bassa) tranne qualche fuoristrada che, avendo un’altezza da terra superiore a 130 cm, si trova in classa B.

Come pagare il pedaggio? Numerosi sono i sistemi a disposizione:

  1. in contanti, nelle corsie automatiche o con operatore
  2. con carta di credito, bancomat o Viacard nelle corsie Fast Pay e ai caselli con l’operatore
  3. con il Telepass sulle corsie riservate

Il Telepass è, infatti, un sistema di pagamento elettronico che utilizza un dispositivo collegato alla targa dell’auto, da applicare al parabrezza per essere letto dai rilevatori posti sopra i caselli. Il sistema legge quindi l’entrata e l’uscita dell’auto dall’autostrada, calcolando il pedaggio e addebitandolo direttamente sul conto corrente del cliente.

Esistono tuttavia diversi tipi di abbonamento che consentono di scegliere la tariffazione in base alle proprie necessità.

Nel caso in cui non riuscisse a pagare il pedaggio, al casello vi verrà consegnato uno scontrino con l’importo da versare; avete tempo 15 giorni per farlo senza che vi siano addebitate spese extra.

Potete pagare l’importo dovuto:

- presso i punti di assistenza clienti della società autostradale (i Punti Blu), cercando quello più vicino sul sito della società - con versamento su conto corrente, utilizzando i dati riportati sullo scontrino - online con carta di credito sul sito delle Autostrade per l’Italia, compilando il modulo scaricabile.

Se smarrite lo scontrino vi sarà richiesto di compilare un’autocertificazione con il casello di entrata sulla base della quale sarà emesso un nuovo biglietto e calcolato il pedaggio da pagare.

Per trovare consigli utili sul mondo delle auto e delle Assicurazioni, leggete i consigli di Chiarezza.it, il comparatore online di polizza RC Auto che vi aiuta a trovare e scegliere, in modo semplice, veloce e gratuito, la polizza auto che meglio si adatta alle vostre esigenze.