Toyota: nel 2015 arriva la berlina ad idrogeno

Una grande rivoluzione ecologica con la produzione di auto a basse emissioni

7 Settembre 2012

Una vera svolta verde nel mondo delle automobili sembra impossibile? Toyota ci ha pensato e una grande rivoluzione nell’ambito delle tecnologie utili ad implementare auto ecologiche vedrà la luce tra qualche anno: una berlina ad idrogeno. In prima linea nella ricerca di soluzioni rispettose dell’ambiente, Toyota ha già progettato diverse tipologie di auto a basse emissioni, modelli ibridi di nuova generazione e modelli elettrici per arrivare, infine, ad una nuovissima soluzione ancora più eco. Annunciata dal presidente della Toyota Motors Sales USA, Jim Lentz, in occasione del seminario CAR 2012 tenutosi nel Michigan, la nuova berlina ad idrogeno verrà commercializzata a partire dal 2015 ad un costo massimo di circa 50.000 dollari.

Se i dettagli riguardanti il suo aspetto rimangono ancora ignoti, non si può dire altrettanto riguardo all’innovazione che sta dietro questa vettura che farà parte di una nuova gamma di auto ecologiche composta da modelli ibridi ed elettrici con batterie di nuova generazione tali da superare le prestazioni di quelle attuali agli ioni di litio. Provando ad immaginarla, la nuova berlina ecologica fuel-cell a idrogeno potrebbe, con molta probabilità, ispirarsi agli elementi principali delle concept car Toyota FCV-R e FT-Bh per quanto riguarda la lunghezza di 4,74 metri, l’autonomia di circa 700 km, il design innovativo e la struttura ultraleggera.

L’idea della casa è quella di lanciare sempre di più sul mercato auto ecologiche e nuove soluzioni a basso impatto ambientale, rendendo la nascitura berlina la prima di una vasta serie di auto ibride e plug-in alimentate da una  tipologia di batterie più evolute, capaci di garantire maggiore autonomia e offrire prestazioni elevate. Il brand Toyota mira ad ottenere un grande riscontro sul mercato, forte del fatto che gli elementi per un’auto ecologica  di qualità, innovativa ed evoluta ci sono tutti. Non ci resta che aspettare il 2015 per conoscerne meglio i dettagli e toccarne con mano le performance.