Toyota, difetti ai finestrini per oltre 7 milioni di auto

La casa giapponese richiama le vetture a rischio incendio

15 Ottobre 2012

Nuovi guai per la Toyota. La compagnia automobilistica giapponese costretta a richiamare 7,43 milioni di auto in tutto il mondo per il rischio di incendio dovuto a un difetto al quadro elettronico che comanda il funzionamento dei finestrini. Diversi i modelli che verranno presto richiamati per essere sottoposti a revisione: tra questi la Yaris, la Corolla e la Vitz. Dei 7,4 milioni di veicoli richiamati 2,47 milioni sono negli Usa, 14 milioni in Cina e 1,39 milioni in Europa. In Giappone, invece, le vetture richiamate sono 459 mila. Il nuovo richiamo segue quello degli oltre 10 milioni di vetture richiamate negli anni scorsi per problemi ai freni o al software dell'impianto frenante.

In Italia, ha annunciato la Toyota, saranno 204.115 le auto richiamate tra Auris, Corolla, RAV4 e Yaris. Il gruppo giapponese ha spiegato che la Toyota Motor Italia metterà in atto un’azione di servizio per gli automobilisti a scopo preventivo per le unità interessate, ossia nello specifico tutte le auto prodotte tra settembre 2006 e dicembre 2008, commercializzate in Italia. Ma quali sono i rischi per chi possiede un'auto difettata? Sui veicoli coinvolti nel richiamo urgente, esiste la possibilità che l'interruttore dell'alzacristalli elettrico che si trova nel pannello porta lato guidatore, nel tempo possa iniziare a funzionare in modo irregolare o a scatti.

Continuando ad operare in queste condizioni, l'interruttore potrebbe bloccarsi e quindi non funzionare. Per risolvere il guasto c'è bisogno dunque di un rapido intervento che prevede l'applicazione di grasso specifico per prevenire il funzionamento irregolare dell'interruttore. Nel caso poi in cui risultasse già funzionante in modo irregolare all'atto dell'ispezione, l'interruttore verrà sostituito. L'intervento, ha spiegato l'azienda, avrà durata di circa un'ora e sarà effettuato gratuitamente. I proprietari deli veicoli difettate saranno avvisati dalla Toyota tramite raccomandata.

TAGS:TOYOTA