Offerte Adsl: qual contratto è più adatto a te?

Ecco come destreggiarsi fra le tante offerte dei vari gestori telefonici

20 Febbraio 2014

Qual è la miglior tariffa per navigare in Internet? La risposta non è così scontata. Scegliere in base al costo mensile non è consigliabile, dacché il prezzo non implica necessariamente una buona qualità del servizio, ma scegliere in base allo scopo per il quale desideriamo un collegamento al mondo virtuale, sì.

Innanzitutto, prima di iniziare a scandagliare le varie offerte adsl, è utile porsi la domanda: “quale uso desidero fare della connessione Internet?”. Solo per navigare? Chiamare e navigare? Utilizzare i social network games? Visione di contenuti in streaming? In base all'uso vi è una tariffa adatta per noi. Ecco come sceglierla. (Sai davvero tutto sull'ADSL? Leggi qui)

 VADO AL MASSIMO

Ormai, grazie al rinnovamento dei mezzi trasmissivi, oggi è possibile viaggiare sino a 100 Mb/s in download e 20 Mb/s in upload, dove è possibile utilizzare pienamente almeno la metà della velocità da contratto. Se ami giocare ai social games o effettuare download - legali - di contenuti molto “pesanti”, questo tipo di connessione fa al caso tuo: il gioco non si interrompe, non cade la connessione e i download saranno molto veloci. Una vera pacchia anche per chi sfrutta al massimo il multitasking del proprio computer.

Attualmente, gli operatori che offrono tale velocità sono Fastweb e Vodafone: entrambi includono la connessione anche da mobile, minuti di chiamate gratuite verso cellulari e fissi, modem Adsl (funzionante anche in modalità wireless) e navigazione illimitata 24 ore su 24.

LO STRETTO NECESSARIO

Nel caso invece si usi Internet solo per consultare pagine web, scrivere sul proprio blog, controllare la posta, o, più in generale, se ne faccia un uso che non richiede la massima velocità, si può optare per le offerte a 7 Mb/s (con 256 Kb/s in upload) o a 20 Mb/s (con circa 1 Mb/s in upload): spesso i prezzi per la 20 Mega sono abbordabili tanto che molti utenti scartano sin da subito la 7 Mega. Ricordiamo che la velocità è quella teorica, ed accade che, a causa della linea intasata o blocchi da parte del gestore, non si utilizzi mai la velocità piena: la 7 Mega ti fa viaggiare sui 5,2 Mb/s (se va tutto bene) mentre la 20 Mega può persino scendere a 12 Mb/s. Il tutto però è in regola per il gestore che stabilisce sul contratto la possibilità che la velocità massima non sia quella proposta.

Anche qualora si desideri la connessione sul proprio tablet o smartphone, è utile valutare quanto lo si utilizza: ci sono offerte a consumo che includono pacchetti base di 1 o 2 GB, ideale per chi lo usa solo per la posta, social network o applicazioni di messaggistica istantanea. Nel caso lo si usi per visualizzare video da siti web, 2 GB potrebbero risultare un po' pochini.

ADSL CON O SENZA TELEFONO?

Molte persone prediligono solo la connessione internet, senza la linea telefonica. Se non si usa il telefono fisso, perché pagare per un servizio che forse non utilizzeremo mai? Su questo punto quasi tutti i gestori propongono una loro soluzione che va dai 7 ai 20 Mb/s. I prezzi variano in base all' inclusione del modem o alla velocità della linea.

Considerando i prezzi ed i servizi offerti, includere anche la linea telefonica non comporta grandi spese aggiuntive: ormai la quantità di gestori presenti ha permesso una, seppur debole, riduzione dei prezzi, e quindi includere anche il fisso non comporta una grande spesa aggiuntiva.

OCCHIO ALL’OFFERTA

Come accennato all'inizio, è sconsigliabile scegliere la linea in base al prezzo. Grazie ai forum presenti sul web è possibile conoscere i pareri di chi ha già provato quelle offerte e quindi capire se quell'offerta o quel gestore telefonico è adatto a noi.

I consigli sono:

  • leggere il contratto: è bene, prima di firmarlo, leggere attentamente tutto il contratto che il gestore vi propone, in modo da evitare brutte sorprese dopo averlo stipulato. Accade spesso che i prezzi non includano l' Iva, o l'installazione della linea Adsl, il contratto abbia una durata ben definita che includa una penale – anche molto salata - in caso di recesso anticipato, oppure il gestore dichiari la sua non responsabilità in caso di problemi di linea. I contratti sono leciti, ma è sempre bene sapere prima queste clausole onde evitare spiacevoli situazioni future;
  • valutare le opinioni: molti gestori offrono dei prezzi concorrenziali, ma il tutto spesso va a discapito della qualità. Si ha quindi una disconnessione continua, scarsa assistenza tecnica, oppure problemi con i pagamenti (come richieste di pagamento su servizi non ancora attivi sulla linea). Si crea così un disagio specie se l'utilizzo di Internet riguarda ambiti importanti come lo studio o il lavoro. Quindi consultate i forum online e cercate di capire a grandi linee se “il gioco vale la candela”.
  • evitare servizi inutili: se col vostro telefono fisso non chiamate mai i cellulari, a che serve un contratto che includa chiamate gratis verso la telefonia mobile? Talvolta accade di vedersi attivare dei servizi (gratuiti, ma che poi divengono spesso a pagamento) che non utilizziamo: ci ritroviamo così ad usarli forzatamente, giusto per “sfruttare l'offerta”. E questo non ha senso ed è uno spreco di denaro.
  • nel dubbio, rinuncio: se non siete sicuri dell'offerta, o se qualcosa non vi è chiaro, pensateci su e valutate anche altre offerte. Poiché ci sono delle penali da pagare per il recesso anticipato, si rischia di perdere il risparmio iniziale che ci ha spinti alla scelta dell'offerta. Meglio valutare attentamente tutte le offerte. La fretta è cattiva consigliera!