ADSL: testare la velocità e migliorare le prestazioni

Perché la velocità reale dell'adsl è inferiore a quella promessa dal provider?

28 Marzo 2014

Tranne in alcune zone rurali e in quelle in cui esiste il cosiddetto 'digital divide', la connessione adsl per accedere ad internet è una realtà radicata da vari anni oramai, a tal punto che nemmeno ci si rende conto delle potenzialità di questa tecnologia.

Grazie all'adsl possiamo non solo aprire pagine web dal nostro browser preferito, scaricare e leggere la posta elettronica, aggiornare lo status su Facebook o altri social network, ma anche e soprattutto visualizzare video in streaming in hd, scaricare musica, inviare allegati di grandi dimensioni, ecc.

Soprattutto queste ultime, ovvero le operazioni che coinvolgono flussi audio e video multimediali piuttosto 'pesanti' erano impensabili prima dell'avvento dell'adsl. Ricordate le connessioni internet dei primi anni Duemila, con il vetusto modem analogico 56k, che oggi sopravvive in qualche mercatino del modernariato?

Ogni pagina internet, una quindicina di anni fa, era progettata per essere la più leggera possibile.

Oggi, invece, se una pagina non ha una grafica perfetta e non è corredata di un video, quasi non la guardiamo. Il tutto necessita di connessioni internet veloci.

Già, ma come è possibile rendere più veloce la nostra adsl, e sfruttarla al meglio?

Innanzitutto occorre testare la velocità della nostra connessione, e per farlo possiamo visitare il sito http://www.speedtest.net 

Qui, con un semplice clic su "Inizia Test" ci verrà fornito, in modo del tutto gratuito, Ping, Download & Upload della nostra connessione.

Andiamo a vedere nello specifico di cosa stiamo parlando:

IL PING: in gergo "Latenza", è la velocità espressa in millisecondi di uno o più pacchetti a raggiungere un dispositivo su una rete. Di solito un ping elevato crea disagi nei programmi di voice chat o nei giochi multiplayer online.

IL DOWNLOAD: è la vostra velocità nell'importare dati dalla rete. Ricordate con i download multipli la vostra velocità viene suddivisa rallentandovi, quindi date priorità a cosa avete bisogno!

L'UPLOAD: è la velocità del vostro PC a inviare dati alla rete (di solito molto più bassa del download a meno che non avete DSL). L'upload di solito è usato per caricare file sui cloud (es. Dropbox) oppure più comunemente usato per caricare i vostri video su youtube o le vostre foto e video su facebook.

esito-speed-test-adsl

Un test alternativo è possibile farlo con il software Ne.Me.Sys messo a disposizione  dall'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni e disponibile qui: https://www.misurainternet.it/speed_test_dw.php 

È importante, ai fini della corretta rilevazione della velocità dell'adsl, effettuare il test solamente nel caso in cui non stiamo facendo nessun download. Una volta controllata a quanti mega va la nostra connessione, non stupiamoci se in realtà è al di sotto della velocità promessa dal nostro provider, in quanto quest'ultima è un valore nominale massimo sulla base di test di connessione effettuati su un certo territorio da parte del provider.

La reale velocità dipende da una serie di fattori, come la congestione della Rete, la tecnologia utilizzata (Adsl, Adsl 2), ecc. Tutto questo i provider lo sanno, e specificano nelle condizioni contrattuali che la velocità nominale è solo un valore indicativo massimo. Non è raro trovare sui siti internet degli operatori delle tabelle (come ad esempio questa, di Fastweb) che informano i clienti sulle velocità effettive riscontrate in media, a fronte di un certo valore nominale.

Per esempio, se a casa si ha un'adsl a 20 mega, è piuttosto normale che dagli speedtest emerga una velocità di 16 - 17.

A questo punto ci chiediamo. È possibile aumentare la velocità dell'adsl?

O meglio, possiamo sfruttare al massimo la banda a disposizione?

Di solito i sistemi Windows di default hanno un limitatore di banda (che si aggira intorno al 20%) per dare spazio anche ad altri computer connessi alla stessa rete. Detto in altre parole, si tratta di un sistema automatico che serve nelle connessioni condivise per evitare che un utente si 'accaparri' tutta la banda a disposizione, e rendi impossibile la navigazione agli altri utenti.

Questo è molto utile, anzi fondamentale, nelle reti condivise all'interno di uffici, università, ecc.

Ora,  se si possiede solo un PC domestico è possibile disabilitare questa funzione. Vediamo come.

Questo procedimento funziona solo su Windows XP o altre versioni superiore della famiglia di Windows Server 2003 (Su alcuni Windows Vista e Windows 7).

Per farlo andiamo su Start -> Esegui -> digitiamo: 'gpedit.msc'

e andiamo su: "Configurazione computer/Modelli amministrativi/Rete/Utilità di pianificazione pacchetti QoS"  clicchiamo con il tasto destro (o doppio clic) su "Limita larghezza di banda riservabile" -> Modifica. 

criterio-gruppo-locali-rete

Alla nostro sinistra troveremo (come nella foto) Attiva e andremo a cambiare il valore portandolo allo 0% e confermiamo con Applica e il gioco è fatto!

criterio-gruppo-locali-rete

Un altro consiglio che possiamo darvi per sfruttare al massimo la vostra adsl, è quello di utilizzare, se possibile, connessioni con il vostro router via cavo anziché wireless.

Il segnale che si diffonde nell’aria viene comunque attenuato, oltre che dalla distanza, dagli ostacoli che incontra sul suo percorso (mura, porte, divisori, ecc.). Invece l'attenuazione subita all'interno del cavo è minima. Un piccolo disagio (è scomodo mettere cavi in casa) che verrà ripagato con connessioni più veloci e che 'cadono' più raramente.