La polizza infortuni conducente di Genialloyd: caratteristiche e condizioni

genialloyd infortuni conducente

Scopri la polizza infortuni conducente di Genialloyd: condizioni, massimali e casi di esclusione

Alla propria assicurazione auto è possibile aggiungere la polizza infortuni conducente, una garanzia accessoria finalizzata ad assicurare il conducente del veicolo in caso di sinistro stradale. Tale assicurazione è prestata a chiunque si trovi alla guida del veicolo e subisca danni. Grazie a questa polizza, il conducente potrà ottenere il risarcimento delle spese mediche in caso di danni fisici, decesso o invalidità causati da un incidente. Con questa estensione quindi, il guidatore viene assicurato per i possibili danni fisici che potrebbe subire dal momento in cui sale a bordo del veicolo a quando ne scende.
Moltissime compagnie assicurative offrono oggi questa garanzia, seppur con qualche differenza. Tra queste, anche Genialloyd: vediamo insieme nel dettaglio quali sono le caratteristiche principali dell’offerta!

Polizza infortuni conducente: i casi di risarcimento

Ricapitolando, la polizza Infortuni del Conducente rimborsa i danni subiti dallo stesso durante un incidente da lui provocato, anche nel caso in cui non sia coinvolto un altro veicolo.
Ma quali sono esattamente i casi in cui il risarcimento è corrisposto? E soprattutto, in che misura viene erogato? Le casistiche previste nell’offerta Genialloyd sono essenzialmente due e consistono nell’invalidità permanente e nel caso morte.
L’invalidità permanente è caratterizzata dalle caratteristiche che seguono:

  • Massimale di €50.000 (max €200.000)
  • Punti minimi di invalidità permanente: 3%
  • Franchigia: 3% dei punti di invalidità

Per quanto riguarda invece il caso morte, il massimale ammonta a €50.000 (max €200.000)

Polizza infortuni conducente: i casi di esclusione

Come per tutte le polizze, anche per la polizza infortuni conducente sono previste delle limitazioni, ovvero dei casi di esclusione in cui i danni provocati potrebbero non essere risarciti dalla compagnia assicurativa. A tal proposito suggeriamo di leggere con grande attenzione l’informativa fornita dall’assicurazione, in modo da comprendere nello specifico quali sono le situazioni in cui la compagnia non è tenuta a rispondere. Così come le altre assicurazioni, anche Genialloyd ha previsto specifiche fattispecie di esclusione, di cui riportiamo quelle principali.
La compagnia non risponde dei danni subiti al conducente se il sinistro avviene in determinate circostanze, come ad esempio:

  • guida in stato di ebbrezza: quando il tasso alcolico è superiore a quello massimo previsto dalla legge per guidare l’auto
  • atti dolosi: se l’auto è utilizzata per compiere azioni dolose ed il sinistro è conseguenza di tali avvenimenti
  • conducente non abilitato alla guida: conducente che non ha conseguito la patente
  • partecipazione a competizioni sportive: quando il sinistro avviene durante la partecipazione a competizioni e gare automobilistiche

Polizza infortuni conducente: termine al diritto di indennizzo

In caso di incidente stradale, la polizza infortuni conducente dà diritto al risarcimento in osservanza delle condizioni già indicate. Tuttavia tale diritto ha un termine, in quanto l’assicurazione rimborsa i danni subiti in seguito ad un sinistro solamente fino a 2 anni dall’avvenimento dello stesso. In altre parole l’assicurazione paga un risarcimento per tutti gli eventi che si verificano entro due anni dal momento in cui avviene l’incidente.

Se sussistono le condizioni per il risarcimento la compagnia rimborserà l’importo dovuto, in osservanza delle condizioni sopra esposte. Tale importo sarà erogato direttamente da Genialloyd.

Ricordiamo che le informazioni inserite in questo prospetto non sostituiscono il fascicolo informativo che la Compagnia deve rendere disponibile e in forma aggiornata sul sito www.genialloyd.it. Ricordati di leggerlo prima della sottoscrizione perché regola il tuo rapporto assicurativo.