Facebook e Twitter? Rischi altissimi alla guida

11 Giugno 2013

Guardare una foto su Facebook, scrivere il proprio stato, curiosare sul profilo di un amico. Oppure inviare un cinguettio su Twitter per essere sempre "sul pezzo". Ognuna di queste azioni è pericolosissima per gli automobilisti alla guida.Quanto? Per capire le conseguenze che si possono avere basta immaginare che è come se all'improvviso un ragazzo di 20 anni ne avesse 70 in più.

Tradotto, è come se alla guida al posto di un ragazzino ci fosse un anziano di 90 anni, le cui capacità al volante, ovviamente, sono molto inferiori. L'importante ricerca è stata condotta dal centro britannico Transport Research Laboratory e ha coinvolto i giovani nella fascia di età 18-25 anni. Gli studiosi hanno calcolato i tempi di reazione e come si comportano alla guida i ragazzi mentre "frequentano" i social network e per esempio aggiornano il proprio status, si concentrano su un'immagine o inviano messaggi. Il risultato più evidente e preoccupante è che i ragazzi tendono ad avere lo sguardo basso (per tenere gli occhi sul telefonino) per il 60% del tempo. Questo tempo, mentre si guida, è un'enormità che si traduce in distrazione e nella difficoltà di prestare attenzione  alla strada. Chi è davvero concentrato alla guida, al contrario, abbassa lo sguardo al massimo per il 10% del tempo. I risultati sono pienamente confermati da una recente ricerca di Direct Line, secondo la quale andare su Facebook o su Twitter riduce i tempi di reazione alla guida di oltre il 30%. Secondo lo studio, inoltre, sono oltre il 17% degli italiani (troppi) usano lo smartphone alla guida mettendo in pericolo la loro vita e quella degli altri. Una percentuale che cresce fino al 24% se si prendono in esame i ragazzi dai 18 ai 24 anni. E poi c'è un dato ancora più grave e preoccupante. Quello che riguarda gli automobilisti che twittano, vanno su Facebook e scrivono sulla tastiera addirittura mentre guidano. Parliamo del 25% degli intervistati. Solo il 39,5%, invece, aspetta di fare una breve sosta al semaforo prima di inviare sms o curiosare sui social network. Il 27% degli automobilisti, infine, aspetta di essere completamente fermo per maneggiare sul telefonino. Da ricordare che, secondo il Codice della strada, l'uso del telefono cellulare alla guida è vietato. Il guidatore, quindi, non può fare uso di apparecchi radiotelefonici salvo che non siano dotati di dispositivi vivavoce o auricolari.